It Ru En

sicily luxory hotel

                        Twitter Facebook Google+ LinkedIn Pinterest Foursquare

Gastronomia Messinese
homepage » Gastronomia Messinese
08.01.2015 by Cristiano Dall'Armi

La Gastronomia Messinese a tavola del Ristorante l’Agave, come la Città di Messina, nei secoli ha subito le influenze delle dominazioni che regnarono in Sicilia. Profumi d’Arabia e sapori Mediterranei si fondono per caratterizzare tante ricette. Sono pietanze della Gastronomia Messinese, molte delle quali a base di pesce, che nei tempi hanno sfamato famiglie di pescatori che vivevano solo con i doni del mare; quindi, con Pesce Spada, buonissimi anche i frutti di mare del Lago Faro e di Ganzirri: Cozze, Vongole, Fasolari, rappresentano il condimento ideale per fumanti spaghetti, o dar vita ad una irresistibile zuppa di pesce o ad una freschissima insalata di mare. Un capitolo a parte lo merita il Pesce Stocco, una delle pietanze più tipiche dello Stretto e della Gastronomia Messinese. La morte sua è ” ‘a ghiotta “.
Il viaggio nella tradizione della Gastronomia Messinese, non può che concludersi con i dolci. I pezzi forti sono: la storica Pignolata, bianca al profumo di limone ed al cioccolato, i Cannoli di Ricotta e, dulcis in fundo, le Granite di caffè o fragola, con panna, o di limone, per ristorarsi nelle calde giornate estive, ed i rinomati gelati dai gusti più assortiti. Queste delizie, da sole, sono già un valido motivo per un goloso richiamo turistico.
Occhi, naso e palato sono completamente avvinti dai colori, dai profumi e dal gusto di questa Gastronomia Messinese, squisitamente Mediterranea. Con influenze che si possono fare risalire ai Greci, ai Normanni, agli Arabi, ai Romani, agli Spagnoli e agli Inglesi. Innumerevoli, tra l’altro, le sagre che coniugano Folklore e Gastronomia Messinese. Partiamo dalle Eolie per un seducente tour di sapori, che è anche golosa sintesi di storia della Gastronomia Messinese, abitudini, tradizioni e culture. In primo piano rosmarino, basilico, aglio, menta, nepitella, olive, pomodorini a pennula e i rinomati capperi di Salina.
Lungo la Strada del Vino Mamertino doc si produce ottima farina di grano duro, utilizzata per la panificazione e per fare squisiti Maccheroni. Nelle macellerie locali, oltre alla carne, si possono trovare salumi e pancette di maiale del famosissimo Suino Nero dei Nebrodi, di produzione locale. Inoltre, soprattutto a Natale, si prepara il cosiddetto Riso Nero, insaporito con cacao e caffè, gli Sfinci, frittelle aromatizzate con cannella. Grazie alla grande varietà di prodotti, la tradizione culinaria della Gastronomia Messinese da gustosi e raffinati piatti a base di pesce (spaghetti al sugo di Totani ripieni, Sarde a Beccafico…) ad altrettanti saporiti e ricchi piatti di verdure, conditi con olio di oliva (melanzane ripiene, parmigiana di melanzane, peperonata…).
Da provare la Ricotta calda, le Provole, la Tuma e il Pecorino, oltre a dolci tipici come le Cuddure, biscotti di morbida pastafrolla in varie forme. E in bella mostra nelle vetrine delle pasticcerie troviamo la Frutta Martorana, modellata da abili pasticceri. A livello locale, segnaliamo i Cannoli a Messina, specilità tradizionali della Gastronomia Messinese che si affiancano alle Crespelle a Catania, il Riso mantecato a Enna, le Arancine dolci ripiene di cioccolato e il gelo di Mellone a Palermo, le Schiumette a Siracusa e le Impanatiglie a Ragusa. Lungo la Strada del Vino spicca il Salame S. Angelo, prodotto di nicchia della tradizione salumaia siciliana. Il metodo di trasformazione è quello tradizionale di una volta, con le carni tagliate a punta di coltello a grana grossa, insaccato in budella di maiale, stagionato al naturale senza nessun condizionamento artificiale grazie al microclima della Vallata Santangiolese. Per queste condizioni uniche nasce un prodotto ineguagliabile della Gastronomia Messinese, con una sola legatura, che dopo 45 giorni di stagionatura è pronto per essere consumato. Particolare della Gastronomia Messinese è anche il ragù cucinato con sarde, zafferano, pinoli, uva passa e finocchio selvatico. Inoltre il pesce spada cotto nel tegame e il pesce azzurro usato come condimento per la pasta.
Tra le particolarità della Gastronomia Messinese menzioniamo infine il Limone Interdonato, denominazione commerciale riferita a un ibrido naturale tra un clone di cedro e un clone di limone prodotto in un vasto comprensorio del versante ionico della provincia di Messina di tradizionale vocazione agrumicola. Questo agrume, che ha ottenuto il riconoscimento IGP, riunisce le pregevoli qualità del cedro e del limone, ha forma affusolata, buccia fine, aroma gradevole e succo poco acido e si presta a svariate ricette nella Gastronomia Messinese.


Rispondi

Prenota ora!
Blog